COMUNICARE LA CULTURA, OGGI di Andrea Maulini, edito da Editrice Bibliografica, è finalmente disponibile.

Per gentile concessione dell’Editore ne pubblichiamo l’INTRODUZIONE.

“Quando qualcuno dei miei studenti, o delle tante persone incontrate nel corso della mia attività professionale, mi chiedeva un consiglio relativamente a un libro sulla comunicazione, in particolare sulla comunicazione della cultura, la mia risposta era sempre quella: l’idea stessa di un volume cartaceo, con i suoi tempi di revisione, di stampa e di distribuzione cozzava con le dinamiche di un ambito, quello della comunicazione, appunto, per sua natura in continuo cambiamento e aggiornamento. Ancora di più nel settore culturale che, per le molte
ragioni illustrate in questo volume, è all’avanguardia in questo campo.
Quando, però, stimolato dai responsabili di Editrice Bibliografica, che ringrazio moltissimo per l’attenzione e la pazienza, ho provato a mettere giù una prima bozza di quello che sarebbe diventato questo
libro, ho identificato da subito un filo comune che, approfondito, avrebbe potuto dare origine a un approccio a mio parere interessante e soprattutto “atemporale”. Opinione confermata anche dopo la rilettura di quella prima bozza che, dati i ritmi frenetici che caratterizzano la mia vita, ho potuto fare con attenzione solo dopo un po’ di tempo.
È nato quindi questo volume, frutto di oltre due anni di lavoro, dove ho cercato di fare emergere quelli che ritengo i fondamenti della comunicazione relativa a un argomento così complesso come quello della cultura: le linee, cioè, che, anche se i media attualmente utilizzati passeranno di moda o saranno sostituiti da altri ancora più di successo, definiranno comunque cosa vuol dire comunicare in maniera efficace, completa e con un orizzonte di lungo periodo.
Certamente, nel libro parlo anche di strumenti tecnici, di trend, addirittura di numeri e di classifiche (in particolare nel capitolo 6). Sapendo che, questi sì, invecchiano molto velocemente (già dalla data di chiusura delle bozze di questo libro alla sua pubblicazione, ad esempio, alcuni riferimenti numerici sono mutati, e non di poco).
Ho preferito, tuttavia, riportare lo stesso questi indicatori, in primis perché non esistono, almeno a mia conoscenza, delle fonti attendibili a questo proposito. Ma soprattutto perché ho voluto così segnalare, al netto della relativa posizione in classifica, quali sono a mio parere le eccellenze, italiane e internazionali, nel campo della comunicazione culturale.
Anche se la stesura del testo è stata fatta interamente da me, per la quale quindi mi assumo l’intera responsabilità, a questo libro hanno contribuito in maniera fondamentale anche le persone che lavorano insieme a me, in particolare scrivendo, ciascuna per le sue competenze, una o più delle appendici che troverete alla fine di ogni capitolo, e che riportano delle case history reali relative alle tematiche trattate nel capitolo di riferimento.

Le ringrazio moltissimo, e con loro ringrazio i responsabili delle varie istituzioni citate, nel libro e nelle appendici, che hanno rilasciato l’autorizzazione alla pubblicazione.
Buona lettura.”

Il nuovo libro di Andrea Maulini disponibile in libreria e su Amazon