La bellezza del patrimonio artistico e culturale del nostro Paese può appassionare anche i più giovani 

 

In tre settimane più di 370.000 visualizzazioni da parte di ragazzi dai 13 ai 24 anni: questo è il risultato della campagna di comunicazione realizzata da Profili per Card Musei Bologna. Card Musei è l’abbonamento annuale del Comune di Bologna che offre ai suoi abbonati ingressi gratuiti e riduzioni speciali per musei, teatri, cinema e festival sul territorio di Bologna Metropolitana e la cui comunicazione digital è firmata da Profili dal 2017.
Già dopo i primi mesi di collaborazione, le performance sui vari canali hanno iniziato a dare risultati interessanti: la pagina Facebook, creata da zero, in poco tempo ha superato per numero di fan le card di diverse altre regioni; su Twitter è aumentato considerevolmente  l’engagement, grazie anche alla partecipazione ad alcuni trend topic trasversali (esempio #Meraviglie , #FestadelleDonne , #MuseumWeek) e le immagini su Instagram entrano nelle popular con diversi hashtag legati al territorio bolognese.
Questi risultati ci hanno spinto a osare e tentare un’impresa apparentemente impossibile: raggiungere il target “dei giovani”, il non-pubblico per eccellenza. Come è noto, infatti, l’utenza principale del settore culturale è over 35, quindi comunicare a un pubblico giovane, attraverso canali e linguaggi adatti, comportava una vera e propria sfida. La soluzione è arrivata con la scelta Luis Sal, giovane youtuber bolognese il cui successo è dimostrato da milioni di visualizzazioni online, a cui abbiamo chiesto di creare per noi tre video ad hoc. La campagna di comunicazione è partita il 21 maggio con la pubblicazione del primo video sul canale YouTube del Comune di Bologna e, successivamente come video nativo sulle pagine Facebook della Card e del Comune. Il risultato? 100 mila visualizzazioni in meno di 24 ore. Date un’occhiata anche voi:

La diffusione del video è stata sostenuta da un tweet, da un post e una storia su Instagram e da una campagna a pagamento su Facebook, a cui abbiamo scelto di dedicare un budget molto ridotto. Le visualizzazioni su YouTube, che al momento ha superato quota 145.000, sono del tutto organiche, con una visualizzazione media di 2,5 minuti. Il secondo video di Luis, pubblicato a distanza di una settimana, ha raccontato alcuni musei del circuito di Card Musei Bologna visti con gli occhi di un americano.
Oltre alla “classica” diffusione del contenuto, sono state creare tre Instagram stories, pubblicate una di seguito all’altra nell’arco di 24 ore. Questa operazione ha portato più di 2.500 visualizzazioni del video originale visibile qui:

Anche le interazioni non si sono fatte aspettare (pochi minuti dopo la pubblicazione) alcune con delle richieste davvero particolari:
E questa è stata un’occasione per spingere ulteriormente l’engagement su altri canali:
Per preparare il pubblico alla pubblicazione del terzo e ultimo video, il giorno precedente sono state cambiate le copertine di Facebook e di Twitter con l’immagine di Luis Sal in centro a Bologna. E poi, il video finale, con una promozione specifica valida per le 48 ore successive.

Qual è stato il risultato complessivo della campagna?
Più di 370.000 visualizzazioni su tutte le piattaforme, di cui l’80% su YouTube, +400% interazioni su YouTube e +262% su altri canali, con un notevole aumento di iscritti su tutti i canali, ma soprattutto la presenza del pubblico dai 13 ai 24 anni per un totale del 62% rispetto al pubblico complessivo nelle tre settimane della campagna.
Le prossime azioni per coinvolgere il pubblico dei più giovani? Cominciate a seguire i canali social di Card Musei Bologna (Facebook, Twitter, Instagram) per essere i primi a scoprirle.