Abbandonate carta e matita e posizionatevi di fronte allo schermo: oggi Profili vi porta a scuola di video tutorial.

I tutorial sono dei manuali multimediali che insegnano, a chi li consulta, come risolvere un problema o come imparare un nuovo procedimento. La piattaforma di Youtube è il grande mare attraverso il quale si può navigare da un tutorial all’altro, alla ricerca di ciò che vogliamo imparare.

Proprio così: Youtube risolve i nostri problemi. Lo studio “The Values of YouTube”, svolto da Google nell’ottobre 2017, ha mostrato che «7 spettatori su 10 utilizzano la piattaforma per cercare di risolvere un problema di lavoro, studio o relativo a un hobby» (trovate la fonte qui).

Sempre lo stesso studio mostra come gli utenti, dopo la video consultazione, si sentano “preparati per svolgere un compito, un’attività o per affrontare un evento” (46%), “più intelligenti” (41%) e “ispirati” (39%). Potremmo considerare i video-tutorial come uno strumeto che porta ad un aumento dei followers e alla valorizzazione di un brand, raggiungendo anche obiettivi economici importanti. Vi facciamo qualche esempio.

Imparare dai migliori

Classe 1982, la make-up artist bellunese Clio Zammatteo nel 2007 si trasferisce a New York e, un anno dopo, dà vita al canale ClioMakeUp, che con il passare degli anni diventa così popolare da trasformarsi in una trasmissione televisiva condotta dalla stessa Clio su RealTime nel 2012. La youtuber si rivolge sempre alla sue “ragazze”, il giovanissimo popolo internauta al femminile, che trae ispirazione dai trucchi di Clio, pensati per ogni occasione (dalla cena di Natale alle serate romantiche, dagli errori più comuni alle recensioni dei prodotti più costosi). Il piccolo impero di Clio nel 2017 si trasforma in un negozio di e-commerce, il ClioMakeUpShop, in cui vende i propri prodotti di cosmesi, associandoli ai video tutorial che pubblica sul canale Youtube. Da artista del trucco a imprenditrice di successo proprio grazie alla pubblicazione massiccia di video-tutorial.

Potete vedere un’anteprima dei video di Clio qui: https://www.youtube.com/watch?v=jQM2Hmn9Ts4

Scoprire i gusti del mondo

Pagina molto popolare su Facebook con i suoi oltre 93 milioni di followers, Tasty ha superato il concetto di tutorial, non offrendo solo video “da copiare” per ottenere ilrisultato sperato, ma creando delle vere e proprie rubriche sulle ricette dei vari Paesi del mondo, tanto da dover creare dei canali collaterali che parlassero proprio della cucina del mondo (il british Proper Tasty, la versione portoghese, oppure quella giapponese). La piattaforma, di proprietà di Buzzfeed, è la più grande community dedicata al cibo esistente sul web e i suoi video promettono all’utente di dire “Oh yes!” alla prova dell’assaggio. Le ricette, proposte rigorosamente con le unità di misura americane, vengono registrate passo dopo passo e puntano alla creazione di piatti golosissimi.

Ecco un video di Tasty: https://www.youtube.com/watch?v=kT70MF-vnOY

Tutorial come fonte di engagement

Marcello Barenghi, disegnatore iperrealistico milanese, ha trovato un’ottima strategia di engagement. L’artista crea video in time-lapse della sua mano che disegna i soggetti più disparati: il ritratto di Stan Lee, un uovo fritto, il personaggio di Paperino.

Circa un anno fa, ha disegnato il silver button di Youtube, il riconoscimento ufficiale per aver superato i 900.000 iscritti al canale. Il video è stato comunicato come una “call to action”, al fine di raggiungere un altro record, conquistato appena cinque mesi fa, ossia il raggiungimento del milione di iscritti al canale, record per il quale Barenghi ha disegnato il golden button. I video del disegnatore hanno l’obiettivo di coinvolgere gli utenti e spingerli a supportare economicamente il suo lavoro tramite la piattaforma Patreon.

Qui potete trovare il video del Golden Button di Marcello Barenghi: https://www.youtube.com/watch?v=DYWi8W15CI8

Ma questi tutorial che si trovano sul web sono solo a scopo didattico? Chi gestisce il canale o la pagina Facebook vuole davvero creare il piatto da leccarsi i baffi, il trucco perfetto o proporsi come esperto disegnatore? La risposta è no: l’elemento “fascino” è fondamentale affinché la comunicazione del tutorial sia efficace e riesca a conquistare quanti più like o iscritti possibili. Un esempio? Gli stessi video di Marcello Barenghi o quelli di trucco prostetico per Halloween, eseguiti in time-lapse da artisti professionisti, che puntano tutto sull’effetto “wow”.

Il video in time-lapse per l’Halloween makeup: https://www.youtube.com/watch?v=OPrJ9KTP02E

E voi, siete pronti a sperimentare questa strategia di comunicazione?