Quali sono gli obiettivi di una comunicazione efficace?

Nel breve periodo, sicuramente quello principale è promuovere i propri prodotti e vendere.

Ma nel medio e, soprattutto, nel lungo periodo, l’obiettivo deve essere il rafforzamento della propria marca (e/o del proprio marchio) in modo che la nostra attività sia conosciuta dal maggior numero di persone possibile, i prodotti siano considerati interessanti e attrattivi, la fiducia nella nostra azienda sia ampia e condivisa.

Occorre, quindi, rafforzare quella che viene definita la brand equity della nostra azienda: il valore della nostra marca, il patrimonio, la sua riconoscibilità.
La conoscenza, la fiducia, la qualità percepita, la fedeltà ai nostri prodotti… sono tutti indicatori positivi di brand equity e obiettivi di una comunicazione efficace.

Questo, naturalmente, influenza anche il successo (o meno) dei prodotti che proponiamo: quanto più la nostra marca è conosciuta e “reputata”, tanto più i nostri prodotti saranno ritenuti interessanti, o almeno da prendere in considerazione, non solo da parte degli acquirenti finali, ma anche dalla distribuzione e dai punti vendita e dagli stessi mezzi di informazione.

Si parla sempre di più, appunto, di brand reputation: la buona reputazione di una marca arricchisce il suo “patrimonio”, rendendo l’azienda e i suoi prodotti più interessanti, attrattivi, degni di attenzione.
Un indicatore che ha trovato nella comunicazione digital (web e social network) il veicolo più efficace.
La brand reputation può essere definita, infatti, “cosa le persone pensano, dicono, sentono attorno ad un’azienda e ad una marca”.
E cioè:

  • Notorietà: quante persone conoscono che cosa fa l’azienda, la sua attività, i suoi prodotti;
  • Immagine: quante persone pensano bene dell’azienda e/o della marca, ne hanno fiducia;
  • (soprattutto) Consenso: quante persone approvano quello che l’azienda fa, ne apprezzano e condividono le scelte.

Elementi che trovano nel web e nei social, molto più che in qualunque altro mezzo di comunicazione, i luoghi ideali di affermazione e anche di misurazione efficace.
Ad esempio:

  • Visite al sito, numero di fan su Facebook, follower su Twitter e/o Instagram, iscritti e visualizzazioni del canale YouTube costituiscono alcuni importanti indicatori della Notorietà di un’azienda e di una marca;
  • Le interazioni di Facebook (like e altre reazioni, commenti, condivisioni), i retweet e i preferiti di Twitter, i like di Instagram, ecc… sono tutti elementi che, in qualche modo, valorizzano l’Immagine di una azienda e/o di una marca;
  • Il Consenso può essere misurato guardando al complesso di questi indicatori: in quanti “luoghi” del mondo web e social è presente l’azienda, quante persone la seguono complessivamente sui diversi siti e social attivati, quante persone ne parlano e con quale giudizio (si parla appunto di Sentiment).

Si tratta di elementi che costituiscono sicuramente anche i risultati di una comunicazione che utilizzi mezzi tradizionali (Ufficio Stampa, pubblicità, stampati ecc…) ma che nel mondo digital vedono la loro efficacia decisamente amplificata.